Newsletter 02/2011 – Protocollo intesa IATT-ANCI


Gentili Associati,

siamo lieti di comunicarVi che negli ultimi mesi la IATT nella persona del suo presidente Paolo Trombetti  ha siglato una serie di Protocolli di Intesa che pongono le basi per collaborazioni su molteplici fronti che comporteranno un positivo riscontro per lo sviluppo delle tecnologie no dig.

Protocollo di Intesa IATT – ANCI

Sergio Chiamparino Presidente ANCI e Paolo Trombetti Presidente IATTNel corso dell’ assemblea Nazionale dell’ Anci, tenutasi a Padova il 12 Novembre 2010 scorso, a valle dell’ accordo siglato tra ANCI – Presidente Sergio Chiamparino – e MISE – rappresentato dal dott. Roberto Sambuco – sono stati firmati una serie di accordi che hanno visto come protagonisti non soltanto i gestori delle telecomunicazioni ma anche la nostra Associazione.

Infatti in quella sede si è provveduto al rinnovo del Protocollo di Intesa tra la IATT ed ANCI, che prevede la diffusione delle tecnologie non invasive relativamente alle attività di posa e manutenzione degli impianti e delle reti sotterranee dei servizi di pubblica utilità, con basso o nullo impatto ambientale.

Per il Presidente della IATT, dott. Trombetti, il protocollo ”avvia finalmente in forma concreta e sistemica le azioni di sviluppo e ammodernamento delle reti dei sottoservizi ed in particolare di quelle in fibra ottica, del catasto reti e delle infrastrutture del sottosuolo, che le imprese italiane attendevano da tempo”.

Si sottolineano in particolare i seguenti punti fondamentali dell’accordo:

  1. I risultati della realizzazione di un catasto delle infrastrutture, progetto che la IATT sta   portando avanti con la Regione Lombardia e ANCI Lombardia nei comuni nell’asse dell’Expò 2015, verranno mutuati e recepiti a livello nazionale. Infatti la IATT è stata coinvolta a presiedere al  Tavolo congiunto per la definizione di un modello condiviso per il catasto delle infrastrutture secondo quanto citato nell’art. 4 dell’accordo tra ANCI e MISE.
  2. Definizione di un “regolamento scavi tipo” che si sta definendo con ANCI Lombardia, UPL  e Regione Lombardia che verrà mutuato da ANCI a livello nazionale.
  3. Delineare modalità di collaborazione con le AA.PP per definire linee guida condivise per le stazioni appaltanti, volte all’impiego delle tecnologie a basso impatto ambientale.
  4. Organizzare corsi di formazione, con l’ausilio di fondi europei, nazionali, regionali e degli enti bilaterali, per i tecnici dei Comuni.

Per leggere il protocollo di intesa completo clicca qui.

Protocollo di Intesa IATT – FORMEDIL

Paolo Trombetti Presidente IATT e Massimo Calzoni Presidente FormedilIn data 27 Gennaio 2011 il Presidente IATT sottoscrive un rapporto di collaborazione con il Presidente FORMEDIL (ente bilaterale di formazione di ANCE) Massimo Calzoni per promuovere attività di formazione per il rilascio del patentino per operatori di macchine complesse relative alle tecnologie trenchless, in ragione anche del Testo unico sulla sicurezza D.lgs. 81/2008 e sue successive modifiche.

Questo protocollo segna un momento importante per tutti gli operatori del mondo no – dig, un momento in cui l’ Associazione risponde ad una domanda reale delle aziende specializzate nelle tecnologie a basso impatto ambientale in materia di qualificazione ed aggiornamento professionale.

Ciò anche in virtù della prossima entrata in vigore a Giugno 2011 dell’ OS35.

L’ accordo sottoscritto è visionabile nell’ Area Riservata previa registrazione.

Protocollo di Intesa IATT – FEDERUTILITY

Roberto Bazzano Presidente Federutility e Paolo Trombetti Presidente IATTIn data 28 Gennaio 2011 il Presidente IATT Paolo Trombetti sottoscrive un protocollo di intesa con il  Presidente di Federutility Ing. Roberto Bazzano. Tale accordo ha come principale scopo quello di approfondire le tematiche e di individuare soluzioni innovative per le attività di posa e manutenzione delle reti sotterranee dei servizi di pubblica utilità nonchè per il riutilizzo degli impianti esistenti.

Si sottolineano in particolare i seguenti punti dell’accordo:

  1. Predisposizione di linee guida per utilizzo di tecnologie negli interventi di manomissione del sottosuolo;
  2. Mutuare i risultati della realizzazione di un catasto delle infrastrutture, progetto che la IATT sta portando avanti con la Regione Lombardia e ANCI Lombardia nei i comuni nell’asse dell’Expò 2015, e farne una best practise a livello nazionale;
  3. Costituzione di un Tavolo Tecnico per definire i criteri di gestione tecnico-economici per l’accesso ed utilizzo delle infrastrutture delle utilities per la posa delle reti in fibra ottica.

Per visualizzare il protocollo di intesa completo gli associati possono accedere all’ Area Riservata previa registrazione.

Lascia un commento