Cured in place pipe


 

  • CURED IN PLACE PIPE


Questa tecnologia consente la riabilitazione di una condotta o manufatto tramite retroversione di guaina in feltro o feltro-tessile, impregnata da un’ opportuna resina termoindurente e avente uno strato esterno in materiale plastico, resistente chimicamente e fisicamente al fluido da convogliare.
La guaina viene impregnata all’ interno (parte che ad inserzione avvenuta andrà  a contatto con la condotta da risanare) con una particolare resina, e avvolta in una camera di estroflessione. Una delle parti terminali viene fissata per cerchiaggio alla bocca di uscita dell’ estroflessore e la messa in pressione con aria provoca il rivoltamento e l’ avanzamento della guaina nella condotta da risanare. Per diametri di condotta da risanare superiori a 200 mm viene realizzata un’ incastellatura perpendicolare alla condotta da risanare e la retroversione avviene mediante l’ immissione di acqua all’ interno del sacco a corona che si viene a formare, provocando, per gravità, il rivoltamento e l’ avanzamento della guaina.
La tecnologia consente il rinnovo di tubazioni di diametro da 200 / 2.000 mm ed è prevalentemente impiegato per reti idriche e fognarie, sia in ambito urbano che extraurbano.

Lascia un commento