Microtunneling


 

  • MICROTUNNELING

 

Tale tecnologia consente la posa di tubazioni di diametro di 250 / 2.500 mm in acciaio, in calcestruzzo o in gres ceramico.
La posa avviene mediante la spinta, da un pozzo di partenza fino ad uno di arrivo, di sezioni di tubo della lunghezza variabile da 1 a 3 metri. La sezione più avanzata del tubo è costituita da una fresa o da una trivella con testa orientabile, che disgrega il materiale durante l’ avanzamento. Il materiale di risulta viene portato in superficie tramite un sistema chiuso di circolazione d’ acqua e bentonite mantenuto in movimento da grosse pompe.
L’ orientamento della testa di perforazione è controllato tramite un segnale laser inviato dal pozzo di partenza lungo la direzione della perforazione, che incide su un rivelatore solidale con la testa fresante, la quale può essere guidata da un operatore per mezzo di un sistema di martinetti idraulici.
La tecnologia viene prevalentemente impiegata per la posa di condotte idriche e fognarie, in generale di grandi dimensioni, e può essere utilizzata con buoni risultati su tutti i tipi di terreno.
L’ impiego di questa tecnica può essere condizionato, soprattutto in area urbana, dalla necessità  di avere a disposizione area estese per l’ installazione dei cantieri, oltre cha da considerazioni di convenienza economica legata alle dimensioni dell’ opera da realizzare.

 

Lascia un commento