Newsletter 08/2014: Adesione di tre nuovi Soci Commerciali


IATT è lieta di dare il benvenuto a tre nuovi Soci Commerciali:

Tesmec S.p.A.: Gruppo principalmente attivo nella progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti, tecnologie e soluzioni integrate nella costruzione, manutenzione ed efficienza di infrastrutture legate al trasporto e alla fornitura di energia. La sue linee di prodotto sono relative all’equipaggiamento per l’installazione di conduttori per linee elettriche e cavi a fibre ottiche, agli equipaggiamenti ferroviari, alle macchine trencher e multifunzionali per impieghi nel campo dei lavori pubblici. E’ da sempre molto attenta a coniugare lo sviluppo tecnologico, l’ innovazione, la qualità ed efficienza con il minor impatto ambientale, concetti base delle nostre tecnologie trenchless.

 

 

Ediltunnel s.r.l.: l’Azienda opera nell’ambito delle costruzioni generali, impiegando tecnologie trenchless di perforazione. Molto attenta alle evoluzioni del mercato e a quelle tecnologiche, è presente anche sul mercato europeo. La sua forte propensione alla crescita, ha portato l’Azienda a costruire le macchine e le attrezzature complementari per la perforazione.

Laboratori Guglielmo Marconi spa: Società di ingegneria che nasce nel 1990 come spin-off della Fondazione Guglielmo Marconi. Opera nei segmenti di mercato delle reti di telecomunicazioni e delle tecnologie delle comunicazioni e dell’informatica (ICT). Progetta e cura la realizzazione di reti wireless, private e ponti radio, in ambito di edificio, di campus e a livello geografico. La collaborazione con la nostra Associazione nasce dall’interesse di individuare e proporre soluzioni inerenti gli aspetti gestionali e di catasto delle reti del sottosuolo.

 

L’adesione di queste tre aziende all’Associazione, a pochi giorni di distanza l’una dall’altra, testimonia il sempre maggiore interesse che le nostre tecnologie suscitano sul mercato e conferma, ancora una volta, la peculiarità della nostra Associazione che comprende al suo interno, promuovendone le istanze, l’intera filiera del no-dig, dai gestori delle reti, alle imprese esecutrici, ai produttrici di macchinari, agli studi e alle società di consulenza e di progettazione.

Lascia un commento