Accordo ANCI – IATT


 

Firmato il nuovo accordo di collaborazione tra l’ Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e l’Italian Association for Trenchless Technology, per promuovere e sostenere presso i Comuni soluzioni innovative e criteri uniformi per la posa e manutenzione del suolo e sottosuolo pubblico.

 

Il protocollo prevede un’azione congiunta di sensibilizzazione delle singole realtà comunali sia rispetto alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, sia dall’applicazione delle nuove disposizioni normative (vedi le “Specifiche tecniche delle operazioni di scavo e ripristino per la posa di infrastrutture digitali nelle infrastrutture stradali emanate il 1 ottobre 2013 dal MiSE di concerto con il MIT e pubblicato in G.U. n° 244 del 17/10/2013).

 

 

 

Il programma delle iniziative da avviare prevede:

  1. l’organizzazione di corsi di formazione sull’ utilizzo delle nuove tecnologie a basso impatto ambientale;
  2. la sensibilizzazione verso i Comuni per la definizione di criteri operativi uniformi per l’uso e la manomissione del sottosuolo stradale;
  3. la valorizzazione delle esperienze e dei progetti realizzati per la definizione di un modello condiviso di catasto delle reti dei sottoservizi;
  4. la diffusione di best practises della governance italiana nella gestione del sottosuolo;
  5. la collaborazione per la definizione di progetti da candidare a finanziamento a livello europeo e nazionale;
  6. la creazione di un Tavolo bilaterale che di volta in volta vedrà rappresentate le realtà locali e gli operatori e gestori dei servizi, per la definizione di un piano di progetto nazionale che abbia lo scopo di avviare le iniziative previste.

La stipula di tale protocollo è per entrambe le Associazioni motivo di grande soddisfazione in quanto costituisce un ulteriore e decisivo passo verso un’incrementale, nonché capillare,  diffusione delle tecnologie a basso impatto ambientale che consentano e facilitino le Amministrazioni locali ad una gestione razionale ed efficiente delle infrastrutture dei sottoservizi.

Lascia un commento